Deta-restauro Mercedes Benz S55 AMG

Questo lavoro ha cambiato il mio modo di vedere il detailing. Mi ha portato a proporre interventi sempre più impegnativi, cosa che in pochissimi oggi fanno.

Oggi il detailing in Italia sta prendendo la piega di una semplice lucidata con l’applicazione di un protettivo nanotech. Già perchè la tecnologia oggi aiuta tutti moltissimo: i nanotech sono diventati davvero semplici da applicare, i polish aiutato l’operatore a fare sempre meglio anche senza avere chissà quale esperienza sul campo, per non parlare degli strumenti che sono sempre più performanti e mi riferisco alle lucidatrici rotorbitali.

Non posso nascondere che anche nel nostro centro tecnico veniamo chiamati in causa per applicare un protettivo nanotech su auto nuova (che è ormai qualcosa che facciamo anche ad occhi chiusi), o per avere una lucidatura base con una protezione nanotech che fa parte dei pacchetti di servizi che offriamo, ma sono arrivato ad una conclusione: il Detailing è un’altra cosa!

Su questo splendido ed ormai poco presente sul mercato, esemplare di Mercedes S55 AMG, abbiamo davvero analizzato tutto in maniera meticolosa alzando l’asticella della qualità dei nostri lavori portando a termine qualcosa che va oltre quello che si fa di solito in un centro di detailing. Ma se si ha passione, se si ha la capacità di organizzare, se si riescono a capire le esigenze del proprietario ed hai un team di persone giuste, riesci a fare anche qualcosa di assolutamente nuovo e di grande effetto.

La vettura è stata analizzata in ogni sua parte per offrire il massimo del servizio. Ma di cosa aveva bisogno realmente per ritornare bella come quando usci dalla fabbrica?

Ahimè non poteva essere recuperata con la sola lucidatura perchè ogni suo singolo pannello aveva, se pur minime, molte imperfezione risolvibili solamente con una riverniciatura: graffi, sportellate, bozzetti, paraurti con vernice mancante, pietrisco sul frontale, il tutto condito con un vecchio lavoro di verniciatura fatto non bene in precedenza.

I cerchi erano completamente ossidati e quindi necessitavano di una sabbiatura con riverniciatura totale. I dadi come si dice a Roma tutti “mozzicati” e quindi andavano sostituiti. Sono quelli a “fiorellino” che se stretti con la pistola pneumatica, stringi oggi…stringi domani…si rovinano e infatti erano tutti rovinati. La nostra scelta, a mano con la dinamometrica!

La stella tipica sul muso era da ricomprare perchè mancante, come da ricomprare era la carcassa del tappo benzina completamente rotta (pensate che in Mercedes Benz Germania non esiste più e l’abbiamo dovuta ordinare in Spagna come usato in ottime condizioni).

Gli interni erano molto sporchi (considerate che il filtro abitacolo che vedete in foto era del 2018) e mancavano alcuni pezzi come pulsanti e cassettini che abbiamo dovuto ricomprare).

Come potete notare la vettura è stata da noi interamente denudata per permettere al carrozziere di intervenire senza perdere tempo. Addirittura alcune parti le abbiamo incartate già noi cosi da agevolare il lavoro ai tecnici. Prima di andare in carrozzeria è stata interamente lavata per evitare che il troppo sporco influisse negativamente sule varie fasi di ricondizionamento.

Il primo passo è stato quello di smontare l’esterno ed intervenire a livello di verniciatura. Una volta tornata dalla carrozzeria abbiamo smontato i cerchi e portati a ricondizionare lasciando la vettura sul ponte. Siamo cosi intervenuti all’interno dell’abitacolo  smontando il necessario per poter eseguire un ottimo lavoro di sanificazione. Qualche ritocchino di vernice su alcuni punti della pelle, sostituzione di entrambi i filtri abitacolo ed interno finito.

Ultimata la parte abitabile, in attesa che tornassero indietro i cerchi, abbiamo ricontrollato l’esterno andando ad eliminare gli sporchini creatisi durante la verniciatura, uniformando anche alcune parti troppo bucciose. La lucidatura è iniziata con i tamponi DENIM per appiattire il più possibile la buccetta  ed una volta finito l’intervento di lucidatura con la fase di finitura abbiamo applicato Gyeon INFINITE TYPE 2 uno dei nostri cavalli di battaglia nanotech per la protezione della superficie verniciata. 

Risultato: una vettura del 2007 riportata come nuova, non con il lavoro di detailing ma con un processo organizzato e dettagliato equiparabile al modo di eseguire il detailing.

Lo ripeterò sempre, DETAILING è una filosofia di approccio ai lavori, a qualsiasi lavoro. Non è il gesto tecnico che genera l’arte del detailing piuttosto è il modo ed il motivo per il quale si svolge quel gesto tecnico. 

E’ stato un lavoro molto stimolante e chissà che non ne capiti a breve uno molto simile da fare. Me lo auguro!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *